Domande di contributo per la riqualificazione delle attività agrituristiche

Con delibera provinciale 780 del 14 maggio 2021 è stato aperto un bando L.P. 4/2003 per la riqualificazione delle attività agrituristiche con scadenza 15 agosto 2021 e con 2.500.000,00 euro finanziati.

I beneficiari sono le aziende agricole con i requisiti soggettivi per l’esercizio dell’attività agrituristica

Sono ammessi i lavori di miglioramento e riqualificazione di agriturismi esistenti come sotto dettagliati:
interventi di miglioramento dell’alloggio dell’ospite e delle unità abitative dotate di cucina e angolo cottura (appartamenti): riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle unità abitative e dei servizi igienici, nonché delle piazzole per le strutture ricettive all’aperto; ampliamenti volumetrici edilizi che non comportino un incremento del numero degli ospiti, anche solo il rinnovo dell’arredamento, incluso l’acquisto di materassi, tende e corpi illuminanti;
interventi di miglioramento e di riorganizzazione degli spazi esistenti destinati alle sale comuni in cui si svolge l’attività agrituristica: riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo degli spazi interni e delle sale, nonché di spazi ad esse funzionali quali cucina, servizi igienici comuni, celle frigo, ripostigli, depositi/magazzini, lavanderia ecc. Sono compresi anche ampliamenti volumetrici edilizi, purché non collegati ad un incremento del numero degli ospiti nella ricettività o nei posti tavola nonché l’arredamento e le attrezzature;
interventi di miglioramento degli spazi finalizzati ad offrire servizi complementari nell’ambito dell’attività agrituristica: sala degustazioni, punto vendita, sala didattica, bagni di fieno o attività di benessere collegate all’utilizzo di prodotti agricoli propri, dotazioni sportive ricreative, colonnine di ricarica per veicoli e bici elettriche, spazi espositivi, locali per il deposito di sci, bike o per attività sportive, ecc. Sono compresi anche ampliamenti volumetrici nonché l’arredamento e le attrezzature ivi compresi i software informatici.
interventi di riqualificazione generale: sistemazioni facciate, riqualificazione energetica dell’edificio, parcheggi, interventi di riqualificazione o realizzazione di spazi esterni, investimenti in fonti di energia rinnovabili per le esigenze aziendali;
sono ammissibili le spese generali collegate ai costi eleggibili nel limite massimo del 12%, delle spese ammissibili sulle opere, secondo le seguenti articolazioni: spese tecniche (inclusi contributi previdenziali) massimo 8% delle spese ammissibili sulle opere; in caso di presentazione del Progetto Sicurezza dette percentuali possono essere aumentate di 2 punti percentuali; sono altresì ammissibili ulteriori spese per perizie geologiche, perizie per inquinamento acustico, ecc..

La spesa minima ammissibile è di 10.000,00 euro e il contributo è pari al 50% (c’è un errore in delibera) fino ad un massimo di 70.000,00 euro di contributo concedibile.
In caso di investimenti che comprendono lavori, le spese devono essere sostenute e rendicontate entro 24 mesi, ridotti a 18 mesi se l’investimento comprende solo arredi e attrezzature.

La domanda è da presentate via PEC sugli appositi moduli,

Gli uffici CAA sono a disposizione per eventuali informazioni e per la presentazione della domanda