Domande di contributo PSR a superficie – Secondo Pilastro

Come ogni anno, entro il 15 maggio, le aziende agricole interessate possono presentare le domande di contributo PSR sul II pilastro

Come ogni anno, entro il 15 maggio 2019, è possibile presentare le domande relative al I e II Pilastro.

Nel gruppo del Secondo Pilastro rientrano le seguenti misure:

– la misura 10.1.1 per lo sfalcio dei prati
Contributo ad ettaro per aziende zootecniche che si impegno a sfalciare i prati per almeno 5 anni, l’importo varia in base alla tipologia di prato, classificato dalla Provincia ed al carico UBA /ha.
– la misura 10.1.2 per l’alpeggio
Contributo per chi gestisce i pascoli di una malga per il pascolamento del bestiame, anche questo è un impegno quinquennale e bisogna rispettare alcuni requisiti quali il rapporto uba/ha e il periodo di pascolamento.
– la misura 10.1.3 e 10.1.4 per le razze e le specie in via di estinzione
Contributo a capo per chi si impegna ad allevare capi di razze in via di estinzione di razze bovine, ovine, caprine ed equine che sono descritte in un apposito elenco. Per le specie in via di estinzione invece è un contributo ad ettaro per chi coltiva Mais di Storo e Spin di Caldonazzo.
– la misura 11 per l’agricoltura biologica
Contributo ad ettaro per aziende che si impegnano a coltivare con il metodo biologico per almeno 5 anni, una superficie minima di 1 ha per il prato e 0,3 ha per le altre colture.
– la misura 13 – indennità compensativa
Contributo ad ettaro per le zone svantaggiate. L’importo varia in base all’altitudine, alla pendenza e alla tipologia di coltura.

Per tali domande l’azienda dovrà presentarsi al CAA per l’aggiornamento del fascicolo aziendale, la creazione del PCG (piano colturale grafico) e la successiva presentazione delle domande.
Viste le novità relative al fascicolo aziendale e alle domande, si invitano le aziende a passare presso gli uffici prima del 01 Maggio 2019.