Vendita al dettaglio

Ultimo aggiornamento: 16.07.2020

L’Ordinanza_Presidente_PAT_15_luglio_2020 dispone fino al 31 luglio compreso l’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie tramite mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Ad esempio:
– per accedere a tutte le attività di vendita/economiche/commerciali/professionali sul territorio provinciale, alle edicole, ai tabaccai, alle farmacie e alle parafarmacie e negli spazi aperti al pubblico delle banche e degli uffici postali;
– per gli avventori che accedono ai mercati comunali e ad ogni altra area di vendita all’aperto;
– per accedere agli uffici della pubblica amministrazione.

Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti.

L’Ordinanza_Presidente_PAT_13_giugno_2020 (punto 5) dispone che non è più obbligatorio l’uso dei guanti da parte degli avventori presso le attività di vendita al dettaglio, rimanendo confermato l’obbligo di igienizzazione delle mani prima dell’accesso a dette attività.

Nel DPCM_11 giugno 2020, all’art.1 lettera dd), si stabilisce che le attività commerciali al dettaglio si svolgano a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno del locale più del tempo necessario all’acquisto dei beni. Le attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti dei protocolli di sicurezza o linee guida idonei a prevenire il contagio.

La Delibera della Giunta provinciale n.799 dell’11 giugno stabilisce al punto 5, lettera e) che ” per le attività di commercio al dettaglio in riferimento al protocollo approvato con la deliberazione n. 689 del 22 maggio 2020, laddove si fa riferimento ai locali di vendita fino a 40 mq e alla possibilità di far accedere 1 persona alla volta oltre ad un massimo di due operatori, si ritiene possa essere consentito il permanere di massimo 4 persone (compreso/i l’operatore/operatori) purché almeno 2 persone facciano parte dello stesso nucleo famigliare o siano conviventi.

Per l’obbligo di mascherina da parte degli operatori economici, l’Ordinanza rimanda nello specifico ai vari protocolli di sicurezza del settore economico di riferimento, in particolare per i negozi all’Allegato 6 della Delibera della Giunta Provinciale del 22.05.2020 e per le attività del settore agricolo al Protocollo PAT di salute e sicurezza sul lavoro in agricoltura e nei lavori forestali_rev4_10 giugno a cura del Comitato provinciale di Coordinamento in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro della Provincia autonoma di Trento. Maggiori informazioni alla sezione Sicurezza e rispetto dei protocolli igienico-sanitari nelle aziende

 

 

Tags: