Manodopera dall’Estero o da fuori Regione

Ultimo aggiornamento: 27.05.2020

CIA Trentino è in contatto con gli organi competenti, sia a livello provinciale che nazionale, per le prassi che devono seguire gli imprenditori agricoli per la manodopera.

La situazione alla data dell’ultimo aggiornamento è la seguente (indicazioni operative in basso):
i lavoratori stagionali comunitari in area Schengen compresi Stato Città del Vaticano, Repubblica di San Marino, Principato di Monaco, Andorra e Regno Unito di Bretagna e Irlanda del Nord, a partire dal 3 giugno potranno arrivare in Italia e non dovranno esperire l’isolamento fiduciario.
i lavoratori stagionali extracomunitari devono attendere lo sblocco del Decreto flussi e l’apertura delle frontiere comunitarie che sono bloccate fino al 15 giugno. In caso di accordi bilaterali tra diverse nazioni, possono entrare lavoratori extracomunitari, ma questi devono rispettare il periodo di quarantena che non può essere attiva.

Potranno essere modifiche e correzioni in base all’andamento sanitario locale, comunitario o dei diversi stati interessati. Non sono quindi escluse evoluzioni sia nei tempi che nelle condizioni di ingresso in Italia. Eventuali aggiornamenti saranno pubblicati su questa pagina. Il consiglio è di contattare i nostri uffici per informazioni più dettagliate e per i casi specifici.

Infine segnaliamo le risposte alle domande frequenti sul sito del Ministero degli Affari Esteri  – vai al link

 

MANODOPERA DALL’ESTERO

1) Indicazioni operative in vigore fino al 02 giugno 2020

Fino al 2 giugno compreso, come previsto dal DPCM_17 maggio 2020 all’art. 4, sono così disciplinati gli ingressi in Italia. Qui un riepilogo:

– Chiunque intende fare ingresso nel territorio nazionale, tramite trasporto di linea aereo, marittimo, lacuale, ferroviario o terrestre, è tenuto, ai fini dell’accesso al servizio, a consegnare al vettore all’atto dell’imbarco una autodichiarazione giustificativa dello spostamento fornita dal Ministero degli Esteri (scarica il modello agg.18 maggio) recante l’indicazione in modo chiaro e dettagliato di motivi del viaggio, indirizzo completo dell’abitazione,  recapito telefonico;
– Le persone, che fanno ingresso in Italia, tramite mezzo privato o altri mezzi di trasporto, anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicarlo immediatamente al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per il territorio* e sono sottoposte alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni** presso l’abitazione o la dimora preventivamente indicata. In caso di insorgenza di sintomi Covid-19, sono obbligate a segnalare tale situazione con tempestività all’Autorità sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati***

*Comunicazione all’Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica
Sul territorio della Provincia autonoma di Trento, il Dipartimento dell’APSS di riferimento per i lavoratori che entrano dall’estero è l’Unità Operativa di Igiene e Sanità Pubblica.
Contatti da utilizzare: segreteria.uoisp@apss.tn.it – 0461904677
Il lavoratore entrato in Italia dall’estero deve compilare l’autocertificazione specifica dell’APSS (scarica il modello) e inviarla ai recapiti indicati nella stessa (segreteria.uoisp@apss.tn.it). Si tratta di una autocertificazione a firma del lavoratore, tuttavia consigliamo di tenerne copia in azienda.

**L’isolamento fiduciario di quattordici giorni
– deve avvenire in stanze separate da altri lavoratori già presenti o arrivati successivamente
(ma lavoratori che arrivino insieme, nella stessa data, possono svolgere l’isolamento negli stessi spazi)
– la persona entrata in Italia deve abitare spazi isolati nei quali trascorrere i 14 giorni, dormire e mangiare (alloggi o stanza isolata)
– eventuali bagni in comune vanno igienizzati prima e dopo ogni utilizzo

***Comunicazione nel caso di insorgenza dei sintomi
Nel caso insorgessero sintomi ascrivibili all’infezione da Coronavirus la persona è tenuta a comunicarlo immediatamente all’Unità di Igiene e Sanità pubblica ai seguenti recapiti: segreteria.uoisp@apss.tn.it  |  0461904677  |  3356428440
Ricordiamo anche i Numeri Utili dell’Emergenza Covid Trentino

 

2) Indicazioni operative in vigore a partire dal 03 giugno 2020

Nel DPCM_17 maggio 2020, all’art.6, riguardo gli spostamenti dall’estero si stabilisce che “a decorrere dal 3 giugno 2020, fatte salve le limitazioni disposte per specifiche aree del territorio nazionale […], nonché le limitazioni disposte in relazione alla provenienza da specifici Stati e territori […], non sono soggetti ad alcuna limitazione gli spostamenti da e per i seguenti Stati:
a) Stati membri dell’Unione Europea (oltre all’Italia, sono Stati membri della UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria);
b) Stati parte dell’accordo di Schengen;
c) Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord;
d) Andorra, Principato di Monaco;
e) Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.”

 

Per i lavoratori provenienti da questi Paesi, non saranno quindi più necessari l’isolamento fiduciario di 14 giorni e nemmeno la comunicazione al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria.
Si consiglia comunque di fornire ai lavoratori l’autodichiarazione giustificativa dello spostamento fornita dal Ministero degli Esteri (scarica il modello agg.18 maggio) da compilare prima della partenza.

 

MANODOPERA DA FUORI REGIONE

L’Unità Operativa Igiene e Sanità Pubblica (APSS PAT) comunica che i lavoratori provenienti da altre Regioni italiane possono giungere sul luogo di lavoro in Trentino senza alcuna comunicazione al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per il territorio e non sono tenute all’isolamento fiduciario per un periodo di quattordici giorni.

Fino al 2 giugno compreso resta valido quanto previsto dalla normativa in merito agli spostamenti, in particolare è necessario predisporre l’autodichiarazione (agg.18 maggio) di spostamento per motivi lavorativi. Vai alla sezione Spostamenti e trasporti

L’attività del lavoratore può svolgersi normalmente; qualora insorgessero sintomi influenzali sarà necessario avvisare il medico e comportarsi come previsto dai protocolli di sicurezza vigenti. Vai alla sezione Sicurezza e rispetto dei protocolli igienico-sanitari nelle aziende

 

TORNA ALLE NOTIZIE CORONAVIRUS E AGRICOLTURA

Tags: